Volkswagen, 2011-2021 decennio ibridoGolf, Tiguan, Passat e Touareg partendo dalla XL1. E le “full” si aggiornano "OTA"


(descrizione)Presentata al Salone del Qatar 2011 come prototipo, cui seguì la versione di piccola serie due anni dopo, la XL1 (già plug-in) raggiungeva un’efficienza allora impensabile: 50 km di autonomia elettrica e un consumo medio di carburante di appena 0,9 l/100 km. 

Il progetto della XL1 in realtà risale al 2002, voluto da uno dei personaggi che appartengono alla storia del marchio, Ferdinand Piëch, La VW XL1 era un’ibrida plug-in dotata di un TDI  due cilindri da 0,8 litri e 48 CV abbinato a un motore elettrico da 20 kW (27 CV). (descrizione)L’auto fu poi messa in commercio nel 2013 in piccola serie al prezzo di 111.000 Euro. Per raggiungere 50 km di autonomia elettrica e un consumo di appena 0,9 l/100 km, la XL1 aveva forme estreme, ospitava solo due persone e utilizzava materiali molto avanzati: fibra di carbonio per la carrozzeria e magnesio per le ruote. 

Dieci anni di sviluppo tecnologico dopo, la Volkswagen propone oggi un gamma di sei varianti plug-in per (descrizione)quattro modelli: Golf eHYBRID, Golf GTE, Tiguan eHYBRID, Passat GTE, Touareg eHYBRID e Touareg R, declinabili in vari allestimenti, carrozzerie e configurazioni, con autonomie WLTP da 47 a 72 km e potenze in linea d 204 a 462 Cv.

Nel frattempo, per quanto riguarda il full elettrico, ID.3 e ID.4 sono ora in grado di ricevere aggiornamenti over-the-air (OTA). Anche l’infotainment di bordo delle Volkswagen ID. beneficerà degli aggiornamenti OTA. (descrizione)A partire dall’estate, la Volkswagen rilascerà per i modelli ID. un aggiornamento ogni tre mesi. Oltre a ottimizzare le prestazioni del software, potranno includere anche nuove funzioni e opzioni di personalizzazione. La nuova unità di progetto ID.Digital si occuperà di portare avanti con costanza lo sviluppo della gamma ID. e coordinerà l’applicazione degli aggiornamenti over-the-air.

“Questo assicurerà che tutte le Volkswagen ID. consegnate siano equipaggiate per l’intero ciclo di vita con la versione più recente del software. In futuro, gli aggiornamenti over-the-air diventeranno la normalità per le nostre auto. Così, nel corso degli anni terremo tutti i modelli ID. al passo con il software delle auto nuove”, ha dichiarato il Membro del Consiglio di Amministrazione della marca Volkswagen per lo Sviluppo Tecnico Thomas Ulbrich. 

L’approccio agile della struttura istituisce nuovi standard nella manutenzione software, con cicli di aggiornamento brevi e un orientamento flessibile. Il nuovo ID.Software versione 2.1 è già installato a bordo di tutte le vetture prodotte dall’inizio di marzo. L’aggiornamento sarà messo a disposizione anche dei Clienti che hanno già ricevuto la propria ID.3 o ID.4. 

(descrizione)

Partner