casa editrice la fiaccola


Furti d'auto: il 2018 di LoJack ItaliaGli highlights tratti dal report annuale della società americana

LoJack e la sfida (vincente) ai ladri d'auto, un binomio ormai consolidato, stando anche ai dati relativi all'andamento del 2018. Lo scorso anno sono stati 2.363 i veicoli rubati recuperati in Italia grazie alle tecnologie in radiofrequenza sviluppate e commercializzate dalla società americana (più 58 per cento versus 2017), per un controvalore complessivo di quasi 52 milioni di euro.

I numeri indicati sono tratti dal report annuale 'Stolen Vehicle Recovery' elaborato da LoJack, dalle cui pagine emerge con chiarezza l'immagine di un'Italia spaccata in due. Il maggior numero di episodi criminali risulta sempre più circoscritto alle aree del Centro-Sud d'Italia, con Campania (45 per cento degli episodi) e Lazio (21 per cento) in prima fila e, non di molto staccate, Puglia (14 per cento), Lombardia (9 per cento) e Sicilia (4 per cento). Insieme coprono il 93 per cento dei casi riscontrati.

(descrizione)

I modelli più appetibili per i ladri d'auto sono risultati essere i Suv (più 62 per cento di casi rispetto al 2017) e le vetture di maggior successo sul mercato per gli spostamenti in città. 

Il Gruppo FCA, con le sue Fiat Panda e Fiat 500 in cima alla classifica per modello, detiene il primato negativo di marchio maggiormente colpito dai furti (tra le dieci vetture vittime dei ladri c'è anche la Jeep Renegade). Seguono Land Rover (occhi puntati sulla Range Rover Evoque), Toyota con la Rav4, Ford e Bmw. Ma anche la Nissan Qashqai non ha vissuto proprio un 2018 tranquillo...

"Osservando i dati sui furti d’auto, emergono oggi con chiarezza due indicazioni: la polarizzazione del fenomeno verso le utilitarie più diffuse sul mercato e gli Sport Utility Vehicle e la rapidità della nostra organizzazione nel comprendere la tipologia di furto e quindi nell’effettuare il recupero del veicolo prima che di esso si perdano le tracce"
(Maurizio Iperti, Amministratore Delegato di LoJack Italia)

Punti di forza delle soluzioni onboard di LoJack, oggi rappresentate da oltre 220.000 unità installate e attivate su mezzi a due e quattro ruote, sono

  • l'architettura dei dispositivi, a prova di ladro, perché dotati di tecnologia non schermabile;
  • la partnership avviata con le Forze dell'Ordine (si noti che dal lancio in Italia a oggi, LoJack ha contribuito al recupero di più di 8.000 veicoli, al rinvenimento di ulteriori 350, nonché a 260 arresti nell'ambito di operazioni ufficiali);
  • una Centrale Operativa in modalità 24/7;
  • l'esclusivo Team Sicurezza, operativo 24 ore su 24, composto da ex rappresentanti delle Forze dell'Ordine, preziosi per coordinare sul campo le attività di stolen vehicle recovery e garantire la restituzione della vettura sottratta al legittimo proprietario.

La case-history del 2018

LoJack Italia si è resa protagonista del recupero di 1 Jeep Renegade e di tre Range Rover Evoque. Solo una vettura era dotata di sistema in radiofrequenza fornito dalla società americana.

La segnalazione circa una possibile anomalia in corso era partita dalla Centrale Operativa ed è stata confermata dall'intervento sul campo che ha permesso di scoprire, all'interno di un container nel Porto di Gioia Tauro (RC), le quattro auto, tutte rubate in precedenza a Napoli, dove erano stato imbarcate alla volta degli Emirati Arabi con sosta intermedia in Calabria. Valore complessivo dell'operazione: circa 260.000 euro.

(descrizione)

Grazie a un approfondimento delle indagini, coadiuvate anche dalle forze dell'Interpol, è stato inoltre possibile scovare altri container che celavano auto sottratte criminalmente e arrivare all'arresto di due cittadini del Gambia, che, operando per conto di una ditta di spedizioni, stavano per applicare la stessa tecnica su alcuni modelli rubati in Africa.

Un container gestito da questa stessa società, creata solo sei mesi fa, è stato posto sotto sequestro in Gambia in attesa di appurare se contenga vetture vittime di furto.

(descrizione)

Partner